Giuseppe Mancini

GIUSEPPE MANCINI è laureato con lode in Ingegneria Civile Idraulica presso l'Università di Catania, è laureato con lode in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio presso "Sapienza" Università di Roma ed ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Ingegneria Sanitaria Ambientale presso il Politecnico di Milano. Dal 01/01/2012 è ricercatore in Impianti Chimici (ING/IND 25) presso l’Università degli studi di Catania all’interno del Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e Informatica (DIEEI), GIÀ ricercatore in Ingegneria Sanitaria Ambientale (ICAR03) dal 01/10/2001 presso l'Università di Catania. Ha conseguito l'abilitazione nazionale a professore associato in entrambi i settori scientifici.

E' stato titolare di docenza, dal 2001, nei Corsi di Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale e Chemical Engineering for Industrial Sustainability dell'Università di Catania in: 1) Dinamica degli inquinanti; 2) Impianti di Trattamento Sanitario Ambientale; 3) Ingegneria Sanitaria Ambientale;  4) Dinamica degli inquinanti e bonifica dei siti contaminati; 5) Chemical plants. Relatore (oltre 90) e correlatore (oltre 20) complessivamente di oltre 110 tesi di laurea, inerenti la gestione e i processi di trattamento delle acque, dei rifiuti, la gestione ed i processi di trattamento per la bonifica dei siti contaminati e i sistemi per il monitoraggio ambientale nei citati Corsi di Laurea in Ingegneria dell’Università di Catania.

E' autore di oltre 130 articoli su riviste e convegni internazionali e nazionali sulle tematiche summenzionate dell'Ingegneria Chimica e Ambientale e reviewer accreditato di numerose riviste nei settori indicati.

E’ Responsabile scientifico/coordinatore di numerosi progetti di ricerca e convenzioni di ricerca per l'Università di Catania dei quali si riportano a titolo non esaustivo i seguenti:

RESPONSABILE SCIENTIFICO per l’Unità di ricerca UNICT, nel Programma Operativo Nazionale (PON) “Ricerca e Competitività 2007-2013” Regioni Convergenza ASSE I – Sostegno ai mutamenti strutturali, del progetto “STI-TAM: Sviluppo di Tecnologie Innovative per il Trattamento dei Rifiuti Liquidi della Navigazione Finalizzate alla Tutela dell'Ambiente Marino”

RESPONSABILE SCIENTIFICO per l’Unità di ricerca UNICT, nel Programma Operativo Nazionale (PON) “Ricerca e Competitività 2007-2013” Regioni Convergenza ASSE I – Sostegno ai mutamenti strutturali - progetto “Sviluppo di Tecnologie Innovative per la Sostenibilità Energetica ed Ambientale di Cantieri Navali ed Aree PORTuali (SEAPORT)”-OR6-Tecnologie Innovative per il Disinquinamento dei Porti

RESPONSABILE SCIENTIFICO per l’Unità di ricerca UNICT del Progetto PRIN 2011 (prot. 2010ARBLT7) “La “Systems Biology" nello Studio degli Effetti di Xenobiotici in Organismi Marini per la Valutazione dello Stato di Salute dell'Ambiente: Applicazioni Biotecnologiche per Potenziali Strategie di Ripristino”.

COORDINATORE NAZIONALE del Progetto PRIN 2007 “Salvaguardia dei Corpi Idrici dalla Contaminazione da Composti Xenobiotici: Nuovi Strumenti per l'Analisi, il Controllo ed il Trattamento nelle Acque Reflue Civili ed Industriali” nell’ambito del Programma di Ricerca Scientifica di Interesse Nazionale PRIN che ha coinvolto, oltre all’Università di Catania (di cui è stato responsabile scientifico locale nella ricerca dal titolo “Rimozione chimico/fisica/biologica di composti xenobiotici di origine petrolifera in acque ad elevata salinità”), le Università di Firenze, dell’Insubria (Varese-Como), l’Università Parthenope di Napoli e il Politecnico di Milano.

RESPONSABILE SCIENTIFICO per l’Unità di ricerca UNICT del progetto dal titolo “Processi Innovativi Biologici e Chimico-fisici e Tecniche di Monitoraggio per la Bonifica di Suoli Inquinati” nell’ambito del Programma di Ricerca Scientifica di Interesse Nazionale PRIN (anno finanziario 2004).

RESPONSABILE SCIENTIFICO del Gruppo di lavoro- Impianti di Trattamento Acque nell'ambito degli interventi individuati nell'Accordo di Programma "Interventi di riqualificazione ambientale funzionali alla reindustrializzazione e infrastrutturazione delle aree comprese nel Sito di Interesse Nazionale di Priolo" in forza della convenzione del 01/10/2009 stipulata con il Commissario Delegato per l'emergenza bonifiche e tutela delle acque della Regione Siciliana il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e la Regione Siciliana Soggetto Attuatore Sogesid S.p.A.

RESPONSABILE SCIENTIFICO delle attività di ricerca nell'ambito di una convenzione stipulata tra il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (DICA) e la società “Servizi Industriali S.r.l” per una ricerca sullo "Smaltimento congiunto in discarica di residui da autodemolizione (fluff) e ceneri da acciaieria”.

E’ stato docente nei Master Universitari in “Gestione delle Acque e Tutela dell'Ambiente" e “Gestione Integrata dei Rifiuti Solidi e Bonifica di Siti Contaminati” della Scuola Superiore dell’Università di Catania. e docente nel Master di II livello abilitante per le funzioni di medico competente della Facoltà di Medicina dell’Università di Catania

E’ stato docente nella Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva dell’Università di Catania – insegnamento di Ingegneria Sanitaria Ambientale.

E’ componente del CD AIAT (Associazione nazionale degli Ingegneri per l’Ambiente e il Territorio) con Delega per la Sezione Territoriale Sicilia e con Delega ai rapporti con le Università e gli Ordini professionali

E’ coordinatore del Gruppo Rifiuti & Bonifiche dell’Associazione degli Ingegneri per l’Ambiente e il Territorio della regione Sicilia

E’ organizzatore di numerosi convegni sulle tematiche Rifiuti, Acque e Bonifiche con particolare attenzione al territorio siciliano.

E’ autore del libro “LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLA REGIONE SICILIA – Riflessioni e proposte operative” (http://www.aiatsicilia.com/g_rifiuti_bonifiche.htm)  Edito dal Gruppo Ambiente Sicilia in stretta collaborazione con il Gruppo Rifiuti & Bonifiche” di AIAT Sicilia.

E’ editore del libro “il monitoraggio, il controllo e la rimozione dei composti xenobiotici ed emergenti nelle acque reflue civili industriali e di falda: il contributo della ricerca nei programmi di interesse nazionale (PRIN)” Edizioni INCA, che raccoglie i contributi della ricerca italiana, finanziata dai PRIN sulla tematica.